Patente: come controllare il saldo punti

0

saldo punti patentePuò capitare a tanti purtroppo di commettere un’infrazione che comporti la decurtazione di punti sulla patente di guida. Sempre più spesso si è ignari del proprio punteggio, per cui è sicuramente utile riuscire a controllare il proprio saldo punti della patente, per evitare in caso di più infrazioni di andare ad esaurire il “credito” con conseguente sospensione della patente.

Andiamo quindi a scoprire quali sono i sistemi utilizzabili per verificare il saldo punti della propria patente di guida e come funziona il sistema dei punteggi.

CONSULTARE IL PORTALE DELL’AUTOMOBILISTA

Se si vuole conoscere il proprio saldo punti e si ha confidenza con l’utilizzo di internet, il sistema più semplice è quello di registrarsi al portale dell’automobilista. Si tratta del portale di servizi di e-government del Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione, gli Affari Generali ed il Personale, da cui i cittadini possono consultare informazioni e accedere a diversi servizi online dedicati.

Tra questi c’è appunto il servizio per conoscere il saldo punti della patente, consultabile semplicemente registrandosi al sito seguendo le istruzioni presenti in home page.

Ricordiamo che dal portale dell’automobilista è possibile anche verificare la sussistenza della copertura assicurativa dei veicoli a motore circolanti su strada, semplicemente immettendo il numero di targa.

PROCEDURA TELEFONICA

L’altra possibilità per verificare il proprio saldo punti della patente è quella di telefonare al numero dedicato 848782782, grazie al quale una voce ci richiederà alcune informazioni relative al titolare della patente, ossia la data di nascita e il numero del documento. Una voce automatica ci fornirà il numero di punti residui sulla patente richiesta.

E’ bene sapere che non si tratta di un numero verde, ma di un numero a pagamento al costo di una chiamata urbana, contattabile esclusivamente da telefono fisso.

REGOLE GENERALI SUI PUNTI PATENTE

E’ bene sapere che ogni patentato riceve come dote iniziale un punteggio di 20 punti. Coloro che non commettono infrazioni che prevedono la decurtazione di punti, ricevono un premio di 2 punti ogni due anni, fino al tetto massimo di 30 punti.

L’automobilista a cui vengono decurtati punti, può tornare al saldo di 20 punti non commettendo infrazioni che ne prevedono la decurtazione nei due anni successivi.

neopatentati, ossia nei primi 3 anni di patente, viene concesso un bonus di punti per anno fino ad un massimo di 3 punti, nel caso in cui non vi siano state infrazioni che comportino decurtazione di punti. Per loro è bene sapere che le infrazioni nei primi 3 anni di patente valgono il doppio dei punti della relativa infrazione.

Ricordiamo che i punti decurtati possono essere recuperati frequentando anche dei corsi specifici con esame finale, da svolgersi presso autoscuole o altri altri soggetti autorizzati dal Ministero dei Trasporti.

Per conoscere i punteggi attribuiti alle possibili infrazioni vi rimandiamo al seguente articolo

Leave A Reply