Truffa dello specchietto: come funziona e come difendersi

0

truffa specchiettoTra le varie truffe che coinvolgono il mondo assicurativo, una delle più famose è la truffa dello specchietto. Benché non si tratti di un sistema per truffare le compagnie assicurative, è certamente una tecnica molto diffusa per estorcere soldi alle persone con incidenti finti, in realtà mai avvenuti.

Vediamo in cosa consiste questa originale truffa e come difendersi, evitando di regalare soldi agli esperti di questo raggiro.

COME FUNZIONA LA TRUFFA

La truffa dello specchietto è un sistema ormai ben collaudato sempre più utilizzato negli ultimi anni dai truffatori. Nella pratica consiste nel procedere a bassa velocità, costringendo il malcapitato al sorpasso; quando le auto sono affiancate il truffatore produce un rumore che simula la rottura dello specchietto in fase di sorpasso, intimando poi l’automobilista a fermarsi per controllare il danno.

Il truffatore così comincia a convincere il malcapitato dell’effettiva rottura dello specchietto, in realtà già danneggiato in precedenza. La richiesta è sempre la solita: il risarcimento in contanti del valore dello specchietto, evitando di passare per l’assicurazione con la scusa della fretta e del futuro aumento del premio assicurativo a seguito del peggioramento della classe di merito.

COME COMPORTARSI

Dando per scontato che il contatto tra i mezzi non c’è stato, se siete presi dal dubbio di essere incappati nel classico tentativo di truffa dello specchietto il consiglio è di non pagare alcuna cifra in contanti e di contattare le Forze dell’ordine.

Ovviamente nel caso vi troviate nel dubbio di poter aver causato realmente il danno, non esitate a richiedere di voler passare per l’assicurazione, compilando il Cid o comunque informando la vostra compagnia dell’accaduto.

EVITARE L’AUMENTO DELL’ASSICURAZIONE

Perché passare per l’assicurazione e rischiare il peggioramento della propria classe di merito? Innanzitutto il truffatore nella maggior parte mollerà la presa se non ottiene sul posto i soldi in contanti del risarcimento, ma in secondo luogo anche passando per l’assicurazione, nel caso la Compagnia accerti la vostra responsabilità totale o parziale, è possibile evitare l’applicazione del malus tramite un’apposita procedura di cui vi abbiamo parlato in precedenza (ecco l’approfondimento utile per evitare l’aumento della classe di merito).

Leave A Reply