Auto nuova e assicurazione: sostituire o cambiare?

0

auto nuovaCome comportarsi con l’assicurazione quando si è appena acquistata un’auto nuova al posto di una vecchia? Spesso quando si cambia auto ci si trova di fronte ad un bivio: trasferire la polizza dell’auto vecchia su quella nuova o stipulare un nuovo contratto?

Vediamo nel dettaglio quali sono le opportunità che si hanno di fronte quando si sta per stipulare l’assicurazione sull’auto appena acquistata.

TRASFERIRE LA POLIZZA DA UN MEZZO ALL’ALTRO

L’operazione più frequente tra gli assicurati quando si sostituisce un’auto con un’altro mezzo appena acquistato è  quella di richiedere alla propria compagnia la sostituzione di polizza, ossia il trasferimento del contratto sul nuovo mezzo a seguito di vendita, demolizione, rottamazione o comunque cessata circolazione del vecchio mezzo. Con questa operazione il contratto viene trasferito sul nuovo veicolo, con la compagnia che riadatterà la tariffa assicurativa in base ai dati tecnici del nuovo veicolo e ad eventuali nuove garanzie che il cliente intende inserire nel contratto.

Il contratto rc auto continuerà a mantenere la propria storia assicurativa, nonché la stessa scadenza originaria che aveva il contratto precedente; il cliente dovrà quindi pagare alla compagnia un’eventuale differenza di premio nel caso la tariffa rca sul nuovo mezzo sia maggiore, oppure ricevere una differenza a proprio favore in caso di tariffa assicurativa minore.

POLIZZA NUOVA CON ALTRA COMPAGNIA

Bisogna comuqnue ricordare che quella soprascritta non è un’operazione obbligatoria. L’assicurato è infatti libero di stipulare l’assicurazione del nuovo mezzo con un’altra compagnia, richiedendo alla vecchia assicurazione il rimborso del premio pagato e mancante alla scadenza contrattuale (al netto delle tasse e imposte), fornendo i dovuti documenti (atto di vendita/demolizione/conto vendite/esportazione all’estero, certificato assicurativo, tagliando e carta verde).

Il nuovo contratto stipulato presso altra impresa continuerà ovviamente a mantenere la stessa storia assicurativa precedente come risultante dall’ultimo attestato di rischio maturato sulla precedente auto, ma la scadenza annuale del contratto non sarà più quella del vecchio contratto ma quella del contratto stipulato ex novo.

PERCHE’ PUO’ ESSERE CONVENIENTE?

Perché questa seconda opzione può essere conveniente rispetto a trasferire semplicemente il contratto in essere con la vecchia compagnia? La risposta è semplicemente che non è detto che la vecchia compagnia abbia una tariffa così conveniente sul nuovo mezzo, a volte potrebbe essere più economico farsi rimborsare la parte rimanente del vecchio contratto e stipularne uno nuovo con un’altra imprese che offre una tariffa migliore per quel tipo di veicolo e storia assicurativa.

Facciamo un esempio per capire meglio il concetto: un cliente ha una smart assicurata con cui paga un premio di 300 euro l’anno per l’Rca; decide di cambiarla a metà della durata contrattuale con una Mercedes classe E, molto più potente del vecchio mezzo. La compagnia con cui è assicurata la smart potrebbe proporre una tariffa di 600 euro annui per la Mercedes, richiedendo così il pagamento della differenza di 300 euro per i sei mesi di durata residua alla scadenza. Se il cliente trovasse con un’altra compagnia un premio ad esempio di 400 euro annui per la Mercedes, sarebbe certamente più conveniente stipulare questa polizza con la nuova compagnia e contestualmente richiedere il rimborso dei 6 mesi pagati per la smart e mancanti alla scadenza annua.

Leave A Reply