Scoprire in che classe di merito è il contratto rca

0

classe di meritoLa classe di merito in un contratto rc auto è forse uno dei parametri tra i più importanti su cui viene calcolato il premio assicurativo, non certamente l’unico, ma quello che le persone considerano fondamentale.

E’ facile però non ricordarsi in che classe di merito si trovi il proprio contratto rca, per cui spesso è importante sapere dove trovare questo dato. Vediamo quali sono i documenti in cui è possibile reperire tale informazione o i sistemi utilizzabili per arrivare ad essa.

COS’E’ LA CLASSE DI MERITO

Facciamo una piccola parentesi per ricordare cos’è la classe di merito universale. Si tratta di un parametro variabile anno dopo anno, il cui valore incide sul costo dell’assicurazione rca. Vanno dalla 1 alla 18 e variano a seconda che si causino o meno incidenti durante la validità dell’assicurazione.

Le classi di merito rientrano nel sistema bonus malus, ossia il sistema secondo il quale se non si commettono incidenti la classe universale diminuisce ogni anno di un numero, mentre aumenta di due in presenza di un’incidente causato con responsabilità principale. Per ulteriori informazioni e approfondimenti sul funzionamento delle classi di merito vi rimandiamo ai nostri precedenti post.

DOV’E’ RIPORTATA LA CLASSE DI MERITO

Se non siete a conoscenza di quale valore abbia la vostra classe di merito sono essenzialmente due i documenti sui cui potete verificare tale dato.

Il contratto assicurativo stipulato con la compagnia, oltre ai dati personali dell’assicurato e i dati tecnici del mezzo, riporta l’indicazione della classe di merito universale di assegnazione del contratto. Si tratta della classe cu a cui è stato assegnato il contratto, che diminuirà di una classe alla scadenza dell’annualità se non si commetteranno incidenti.

L’altro documento in cui è possibile scovare la propria classe di merito è l’attestato di rischio che matura ogni anno al termine dell’annualità assicurativa. Oltre alla tabella in cui sono indicati eventuali sinistri commessi negli ultimi 5 anni, viene riportata la classe di merito universale sia di provenienza, ossia alla stipula del contratto, sia di assegnazione, ossia quella maturata al termine dell’anno assicurativo.

Bisogna ricordare che da oltre un anno l’attestato di rischio non viene più inviato in formato cartaceo al cliente ma è consultabile in formato elettronico tramite le mail che le compagnie inviano ai clienti oppure tramite l’area riservata presente nei siti ufficiali di tutte le compagnie.

ALTRI SISTEMI UTILIZZABILI

Un’ottimo sistema per conoscere al volo la propria classe di merito è quello di utilizzare i preventivatori online delle compagnie o i siti di comparazione (es. Facile.it, Segugio, etc). Effettuando un preventivo veloce, anche a distanza di mesi dalla scadenza della propria polizza, è possibile verificare la propria classe di merito universale.

Molti portali assicurativi permettono ormai l’effettuazione di preventivi veloci inserendo soltanto la targa del mezzo e data di nascita del proprietario. In pochi passaggio è quindi possibile visualizzare il proprio preventivo e individuare la classe di merito universale relativa alla propria situazione assicurativa.

Leave A Reply