La clausola di Rivalsa nelle assicurazioni, come tutelarsi

0

clausola di rivalsaUna delle clausole più importanti da verificare sulla propria assicurazione auto è quella di rivalsa. In determinati casi infatti la compagnia assicuratrice può richiedere il pagamento dei danni causati, nonostante sia operativa la copertura assicurativa.

Abbiamo raccolto per voi tutte le informazioni utili da conoscere sulla rivalsa da parte delle compagnie e come evitare di trovarsi in situazione spiacevoli, anche dal punto di vista economico.

COS’E’ LA CLAUSOLA DI RIVALSA

Quando si sottoscrive una polizza rca è bene quindi verificare la presenta di questa clausola di rivalsa che in molti casi può essere invece la clausola opposta, ossia la rinuncia alla rivalsa. La clausola di rivalsa indica l’elenco delle situazioni in cui la compagnia assicurativa, non è obbligata a risarcire il danno. La rinuncia alla rivalsa al contrario, indica la rinuncia della compagnia ad applicare la rivalsa e quindi a coprire i danni causati a terzi anche nelle situazioni indicate che normalmente non sarebbero coperte.

Generalmente la clausola di rivalsa o di rinuncia ad essa indicano situazioni relative allo stile di guida del conducente e al rispetto del codice della strada. In mancanza di rispetto di queste norme, i danni causati a terzi rimarranno a carico dell’assicurato, secondo le condizioni pattuite sul contratto rca.

COME FUNZIONA LA RIVALSA

Cosa succede in caso di incidente con assicurazione che indica la clausola di rivalsa? E’ bene specificare che il diritto al risarcimento del danneggiato è sempre garantito, per cui esso viene comunque risarcito totalmente dalla compagnia assicuratrice del responsabile. Una volta liquidato il danno la compagnia eserciterà sull’assicurato il diritto di rivalsa, ossia richiederà la restituzione del risarcimento pagato al danneggiato.

La restituzione delle somme pagate potrà essere quindi totale o parziale, a seconda delle condizioni della clausola di rivalsa indicata nel contratto. Proprio da tale restituzione la clausola prende il nome di diritto di rivalsa, ossia il diritto della compagnia a rivalersi sull’assicurato per il risarcimento pagato.

QUALI CASI NON SONO RISARCIBILI

Vediamo quali sono i casi più comuni di rivalsa da parte delle compagnie assicurative:

  • danni causati da disattenzione alla guida;
  • danni causati sotto l’effetto di alcol o sostanze stupefacenti;
  • passeggero trasportato senza cintura;
  • guida con patente non valida o non conforme al veicolo;
  • danni a passeggeri di numero superiore rispetto a quello indicato nel libretto di circolazione;
  • danni causati da conducente non assicurato nella polizza (clausola di guida).

COME EVITARE DI PAGARE I DANNI

Per stare più tranquilli nei confronti dei casi in cui la compagnia può richiedere la rivalsa dei risarcimenti liquidati, è possibile richiede alla compagnia di inserire la clausola di rinuncia alla rivalsa, pagando un sovrapprezzo. E’ bene controllare, anche in questo caso, a quali situazioni fa riferimento la rinuncia alla rivalsa da parte della compagnia.

Il sovrappremio per l’inserimento in polizza della rinuncia alla rivalsa ha generalmente un basso impatto sul premio rca, circa un 2,5% in più rispetto al premio base rca, per cui è sempre consigliabile inserire tale clausola e guidare tranquilli.

Leave A Reply