Assicurazione Rca sospesa o scaduta, le differenze

0

contrassegnoQuali sono le differenze tra una polizza rca sospesa o scaduta? In molti confondono le due situazioni, accomunate dall’inattività della copertura assicurativa. E’ bene quindi fare chiarezza e spiegare nel dettaglio queste due condizioni assicurative.

POLIZZA RCA SCADUTA

Quando si tratta di polizza rca scaduta, si parla generalmente di un contratto giunto a scadenza, che necessita di essere rinnovato per essere nuovamente operativo. E’ bene ricordare comunque che tutte le polizze rca di durata annuale prevedono i 15 giorni di copertura aggiuntiva successivi alla data di scadenza, a meno che non si tratti di una polizza temporanea, quindi di durata inferiore all’anno; in quest’ultimo caso l’operatività della copertura termina alle ore 24:00 del giorno di scadenza.

ATTENZIONE ALLE RATE INTERMEDIE

Molto spesso però quando si parla di scadenza di polizza bisogna fare attenzione che non si tratti di scadenza di rata intermedia; nelle polizze rca frazionate ad esempio semestralmente, si potrebbe confondere la scadenza della prima semestralità con la scadenza annua del contratto. I contratti rca possono essere infatti non rinnovati solo alla scadenza annuale e non a quella della rata intermedia, per cui vige l’obbligo di pagamento e quindi completamento dell’annualità pattuita con la compagnia (tranne in caso di vendita, demolizione o alienazione del veicolo assicurato). I 15 giorni di copertura aggiuntiva sono comunque garantiti anche alla/ scadenza /e delle rate intermedie.

POLIZZA SOSPESA

Una polizza è sospesa è invece un’assicurazione la cui operatività è stata temporaneamente bloccata per un determinato periodo, in attesa di essere riattivata. Il cliente ha quindi già pagato il premio per un determinato periodo, di cui deve ancora usufruire totalmente. Solo al temine di un periodo di operatività totale di 12 mesi, la polizza giungerà alla scadenza annuale.

E’ bene ricordare che ogni compagnia utilizza le proprie regole di sospensione e riattivazione, con eventuali costi a carico dell’assicurato che devono essere comunicati in fase di stipula. E’ inoltre fondamentale ricordarsi si riattivare la polizza sospesa entro un periodo di 12/18 mesi, dopo i quali il premio pagato alla compagnia e non utilizzato rimane acquisito dalla compagnia stessa, senza possibilità di riattivazione della polizza e di maturazione dell’attestato di rischio.

Leave A Reply