Assicurazioni: tutto sull’addio al contrassegno RC Auto

1

contrassegnoCome ormai ben sappiamo, dal 18 ottobre 2015 non è più obbligatorio esporre sul proprio veicolo il contrassegno che certifica la copertura dell’assicurazione RC Auto. L’assicurazione resta ovviamente obbligatoria per Legge, ma la validità della polizza viene certificata da una banca dati alimentata da tutte le compagnie assicurative.

Perchè questo cambiamento

L’eliminazione del contrassegno assicurativo Rc auto è stata introdotta dal D.M. 110/2013, con l’obiettivo di contrastare le frodi assicurative e aumentare la tutela nei confronti dei cittadini onestamente assicurati. Ad oggi sono circa 4 milioni i veicoli circolanti senza regolare copertura assicurativa e grazie alla nuova banca dati informatica sarà possibile limitare la possibilità di circolare senza assicurazione valida o fasulla. Le Forze dell’Ordine possono quindi verificare in tempo reale l’esistenza dell’assicurazione rca, anche tramite i sistemi di rilevazione a distanza come tutor e telecamere Ztl, per cui i furbetti della assicurazioni non avranno più vita facile.

Cosa cambia

Il contrassegno assicurativo non dovrà quindi più essere esposto visivamente sul parabrezza della propria auto, poichè la verifica dell’esistenza della copertura assicurativa avviene tramite una banca dati informatica a cui le autorità hanno accesso istantaneamente. Quest’ultima novità si aggiunge a quella della dematerializzazione dell’Attestato di rischio che da Luglio 2015 ha portato alla scomparsa del documento cartaceo, non più inviato dalle compagnie al domicilio dei clienti. Tutti i dati sulla situazione assicurativa degli assicurati, quindi eventuali sinistri, classe di merito e periodo di validità della copertura saranno contenute nella banca dati.
In caso di stipula di un contratto rca quindi i clienti non dovranno più presentare alla nuova compagnia il proprio attestato di rischio cartaceo poichè le Imprese recupereranno tali informazioni dall’apposito database.

Quali documenti di riceveranno

Cosa si riceverà dalla compagnia al momento della stipula di una nuova polizza o al rinnovo della stessa? Ai contraenti le compagnie dovranno fornire i seguenti documenti:

  • Ricevuta di pagamento che attesta il pagamento del premio assicurativo, assolutamente da conservare in caso di controllo delle Forze dell’Ordine;
  • Certificato di assicurazione che attesta il periodo di validità della polizza e contiene i dati utili per la compilazione del CID in caso d’incidente;
  • Carta verde necessarie per poter circolare assicurati nei Paesi che non fanno parte dello Spazio Economico Europeo, per esempio in Albania, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, etc.

In caso di sinistro

Con la scomparsa del contrassegno rc auto cambierà qualcosa in caso di sinistro? Non cambia assolutamente nulla, il modulo di Constatazione Amichevole di Incidente dovrà essere correttamente compilato come è sempre avvenuto dalla sua entrata in vigore, per cui l’assenza di tagliando rca non incide sulla procedura da utilizzare in caso si commetta o subisca un’incidente.

1 commento

  1. Pingback: Certificato di Assicurazione: conservarlo in auto è d'obbligo | AssiOnline

Leave A Reply