Omicidio stradale: ritiro della patente a vita sparito dal Ddl per incostituzionalità

0

omicidio stradaleNuova bufera sulla legge che riguarda l’omicidio stradale: la tanto attesa norma che avrebbe sancito l’ergastolo della patente per chi commette omicidi al volante è sparita dal disegno di legge presentato in commissione a Palazzo Madama.


In tanti, parenti delle vittime in primis, sono anni che lottano per l’inserimento in legge del ritiro a vita della patente in caso di omicidio stradale, ma pare ormai certo che si dovrà attendere ancora. Al momento rimane infatti la sospensione del titolo di guida per un periodo da 5 a 12 anni. Il motivo di tale “morbidezza” rispetto al ritiro a vita della patente? La sazione più dura non sarebbe una strada percorribile, poichè dichiarata incostituzionale per via della definitività dei suoi effetti.

Ogni anno sono circa 3 mila i decessi per incidenti stradali riconducibili all’uso di alcol e droghe, mentre i feriti sono oltre 250 mila. E’ chiaro che la sanzione massima per il momento è destinata a rimanere quella dei 12 anni di sospensione della patente, tanti ma non abbastanza per chi spezza vite umane per un comportamento incoscienze e comunque fuorilegge.

Leave A Reply