Molti Comuni offrono la polizza furto collettiva ai cittadini

0

Emergenza furti nelle abitazioni: il sempre maggior numero di casi di interi appartamenti svaligiati nel nord Italia ha spinto alcuni comuni ad adottare una nuova formula di copertura assicurativa, la polizza furto collettiva. I cittadini potranno aderire a questa assicurazione ad adesione volontaria che offrirà una copertura contro i danni causati da furti, rapine, estorsioni e atti vandalici.

10 euro l’anno contro i danni da furto

Sono già diversi i Comuni del Nord Italia che hanno aderito all’iniziati, ad esempio i comuni di Limana (BL), e Cordenons (PN), che hanno aperto la campagna di adesioni per la polizza collettiva contro il furto ai propri cittadini residenti. Con soli 10 euro l’anno i cittadini potranno tutelarsi per 12 mesi contro il furto di beni per un massimale di 5 mila euro l’anno (1000 euro per sinistro), con una franchigia di 100 euro. La copertura garantisce il risarcimento anche in caso di furto di contanti, ad esempio dopo il prelievo al bancomat o in posta, per un massimo di 500 euro, per i furto avvenuti entro un’ora dal prelevamento. Ovviamente parliamo di valori medi, ogni comune infatti potrà studiare condizioni differenti in base alle proprie esigenze.

Iniziativa di successo e maggiore prevenzione

Si tratta quindi di una nuova forma di tutela della collettività che molti comuni si apprestano ad adottare e che sicuramente riscuoterà grande successo tra i cittadini, soprattutto per il costo esiguo. Ovviamente la tutela assicurativa in questi comuni italiani sarà affiancata da un’intensificazione delle misure di prevenzione dei furti, come l’installazione di un numero maggiore di videocamere e più intensi controlli sul territorio da parte delle forze dell’ordine.

Leave A Reply