Vendita dell’auto, come ottenere il rimborso dell’assicurazione

0

Come comportarsi con l’assicurazione in caso di vendita dell’auto? Innazitutto chiariamo che in caso di vendita dell’auto il contraente dell’assicurazione ha diritto a richiedere il rimborso della parte di premio rca relativa al periodo di copertura di cui evidentemente non si usufruirà. Lo stesso discorso vale anche nel caso di rottamazione del veicolo.

Il calcolo del rimborso

Il cliente ha così diritto alla restituzione del premio di polizza pagato e non usufruito, facendone richiesta alla compagnia o al proprio assicuratore. Come viene calcolato il rimborso? La compagnia calcolerà il rimborso di premio eseguendo il conteggio relativo ai giorni mancanti alla scadenza della rata pagata, a partire dal momento in cui il mezzo risulta venduto dall’apposita documentazione di vendita. Per fare un esempio se l’auto viene venduta 45 giorni prima della scadenza della rata, il cliente ha diritto al rimborso della parte di premio relativa agli ultimi 45 giorni di copertura. Il rimborso viene conteggiato sui giorni effettivamente mancanti alla scadenza della rata pagata rapportati al premio netto (quindi tasse escluse) della sola garanzia di responsabilità civile; non vengono infatti rimborsate le parti di premio relative alle garanzie accessorie, quali furto, incendio, cristalli, etc che rimangono ormai acquisite dalla compagnia.

Quali documenti fornire alla compagnia

Per richiedere e ottenere il rimborso dell’assicurazione il contraente di polizza dovrà restituire alla compagnia i seguenti documenti: contrassegno, carta verde e certificato assicurativo dell’auto venduto/demolito, copia dell’atto di vendita/demolizione del mezzo. La compagnia potrà così provvedere al rimborso del premio che non verrà goduto dal cliente, chiudendo così la posizioni assicurativa relativa al mezzo ceduto.

Cosa succede alla classe di merito maturata?

Ottenendo il rimborso del premio per la vendita dell’auto non si perde la classe di merito maturata negli anni relativamente a quel veicolo; l’ultimo attestato di rischio maturato sarà valido 5 anni a partire dalla data di scadenza in esso indicata e sarà utilizzabile in caso di acquisto di un nuovo veicolo su cui potrà essere trasferito tutto l’attestato di rischio e relative classe di merito universale, a patto che il mezzo sia intestato allo stesso proprietario.

Leave A Reply