Polizza vita caso morte: come funziona e quando conviene

0

caso morteE’ possibile tutelarsi lasciando una somma in eredità ai figli o parenti in caso di morte? La polizza vita caso morte è l’assicurazione ideale per tutelare i propri cari dalle possibili ricadute economiche conseguenti ad una premorienza.

Come funziona la polizza caso morte

La polizza il rischio morte prevede il pagamento alla compagnia di un premio in cambio dell’impegno a liquidare al beneficiario, o più di uno, un capitale predeterminato nel caso l’assicurato passi a miglior vita all’interno del periodo assicurato. Il premio delle polizze caso morte varie essenzialmente in base a diversi parametri: l’età, fumatore o non fumatore, e la durata contrattuale. Un giovane assicurato non fumatore che si assicura contro il rischio morte pagherà sicuramente di meno rispetto ad un’assicurato di 20 anni più grande con abitudine al fumo. Allo stesso modo il premio assicurativo, a parità d’età e abitudine al fumo, sarà più elevato più è lunga la durata contrattuale per la quale si decide di volersi assicurare.

Attenzione alle clausole

E’ bene fare molta attenzione alle clausole contrattuali prima di stipulare un’assicurazione caso morte: esistono casi infatti in cui la compagnia potrebbe rifiutare il risarcimento, come ad esempio nel caso di pratica di sport pericolosi, oppure per suicidio, o ancora per preesistenti patologie non dichiarate. La stipula dell’assicurazione caso morte infatti, specialmente per determinati capitali elevati, richiede la compilazione di un questionario anamnestico dove l’assicurato dichiara la propria situazione di salute attuale e passata, in modo che la compagnia possa valutare correttamente il rischio da assicurare. Ricordiamo quindi le le false dichiarazioni portano al rifiuto della compagnia all’indennizzo; in caso di decesso infatti le compagnie prima di liquidare il capitale effettuano indagini sulla veridicità delle dichiarazioni fornite al momento della stipula.

Leave A Reply