Assicurare la moto contro il furto: cosa c’è da sapere

0

furto motoI furti di moto sempre più frequenti, soprattutto perchè si tratta di mezzi facilmente esportabili all’estero dove vengono rivendute a prezzi stracciati. L’unico modo per tutelarsi da tale evento è quello di assicurare la moto contro il furto tramite apposita garanzia rilasciata da una compagnia assicurativa.

Spesso la garanzia furto è acquistabile singolarmente in aggiunta alla Responsabilità civile di legge, mentre a volte è abbinata obbligatoriamente alla garanzia incendio. Ma come si può assicurare una moto contro l’evento furto? Per prima cosa ricordiamo che la moto si può assicurare contro il furto per il suo valore reale, mai per un valore superiore; per individuare il valore del mezzo si fa riferimento alle quotazioni Eurotax, facendo la media tra i due valori indicati riferiti all’anno di immatricolazione. Ovviamente il premio della garanzia furto non è uguale per tutti i cittadini poichè le tariffe tengono conto anche in questo caso, come per l’Rc, della zona di residenza del proprietario del veicolo, per cui è appurato che, secondo statistiche, una polizza furto su Napoli costi di più rispetto alla stessa copertura ad Aosta.

Valore assicurato

In caso di furto la compagnia prenderà in considerazione il valore per cui è stato assicurato il mezzo, a meno che esso non sia stato assicurato per un valore inferiore  la suo valore: sì perchè per risparmiare sull’assicurazione è possibile assicurare il mezzo per un valore più basso, ma bisogna fare attenzione a sapere che in caso di sinistro anche il risarcimento sarà inferiore in proporzione al valore per cui si è sottoassicurati. Ad esempio se si è assicurato il mezzo per un valore inferiore del 25% del valore reale, in caso di furto la compagnia non liquiderà l’intero massimale assicurato ma una cifra inferiore del 25% di tale valore.

Deprezzamento

E’ importante sapere che l’importo assicurato in polizza non corrisponde al valore che verrà liquidato in caso di furto, ma il valore base su cui verrà calcolato il risarcimento con l’applicazione del deprezzamento dovuto al valore commerciale del veicolo al momento del furto (solitamente un 20%). Per evitare tale deprezzamento spesso è possbile inserire nel contratto la clausola del prezzi di listino a nuovo, ossia una clausola che garantisce la liquidazione dell’intero valore del veicolo solo se il furto avviene entro un determinato periodo (spesso entro un anno dall’acquisto).

Verificare le clausole e attenzione alle chiavi

Quando si stipula un’assicurazione furto per la moto è bene verificare la presenta e il valore di eventuali franchigie e scoperti che potrebbero far scendere decisamente l’importo liquidato dalla compagnia. Ricordate inoltre che in caso di furto è fondamentale restituire alla compagnia la prima chiave e la chiave di riserva, fondamentale per dimostrare alla compagnia la verificare la vostra corretta condotta nell’utilizzo del veicolo ed evitare così possibili contestazioni dell’assicurazione.

Leave A Reply