Inverno in arrivo: risparmiare con la sospensione dell’assicurazione moto

0

moto invernoQuando l’inverno si avvicina è facile che molte persone decidano di mettere la moto o scooter in garage per muoversi con mezzi più adatti al clima freddo e piovoso dell’inverno. Come comportarsi con l’assicurazione già pagata per risparmiare e non buttare via mesi di copertura non utilizzata? La sospensione dell’assicurazione è sicuramente la soluzione più adatta.

Interrompere la copertura

La clausola di sospensione permette di interrompere temporaneamente la copertura rc del mezzo a due ruote per poi riprenderla in un momento successivo senza perdere così il periodo di premio pagato e che non si andrà ad utilizzare. E’ importante però verificare al momento della stipula che questa clausola sia presente nel proprio contratto di assicurazione poichè per alcune polizze potrebbe essere compresa nella garanzia base, per altre potrebbe essere inseribile dietro pagamento di un sovrappremio.

In pratica al momento della sospensione, il periodo di polizza pagato e non usufruito sarà ancora da utilizzare al momento della riattivazione; ad esempio se sospendo la polizza a 4 mesi dalla scadenza della rata, nel momento in cui la riattiverò avrò da “consumare” ancora 4 mesi di copertura prima di giungere alla scadenza della polizza o comunque della rata pagata.

C’è sospensione e sospensione

Le condizioni di sospensione sono un’altro aspetto da valutare prima della stipula dell’assicurazione: alcune compagnie non prevedono infatti costi di sospensione e riattivazione, altre potrebbero richiedere un versamento una tantum al momento di riattivare la polizza, altre ancora invece richiedono l’integrazione di premio nel caso al momento della sospensione non siano presenti almeno 2 mesi residui di polizza. In ogni caso ricordiamo che l’assicurazione sospesa va riattivata entro i 12 mesi dal giorno in cui si è interrotta la copertura, pena l’impossibilità di riattivare il contratto e la perdita dei soldi corrisposti alla compagnia, oltre all’impossibilità di ricevere l’attestato di rischio non maturato.

Leave A Reply