Cos’è il Rapporto Sinistri/Premi ?

0

sinistri premiPer misurare l’andamento di un ramo assicurativo si utilizza il famoso rapporto sinistri/premi, ossia il rapporto tra il totale dei sinistri pagati e il totale dei premi raccolti per il rischio analizzato. Questo indicatore è fondamentale per il calcolo delle tariffe da parte delle compagnia assicurative.

Pe fare un esempio se una compagnia ha un portafoglio rca auto di 1000 e nel corso dell’anno ha pagato sinistri per 1100, significa che il rapporto sinistri/premi è di 1100/1000, quindi la compagnia ha pagato sinistri più di quanto abbia incassato in premi. Questa situazione ovviamente è assolutamente negativa per la compagnia; ne deriva che se il risultato del rapporto sinistri/premi è maggiore di 1 l‘andamento è negativo, in caso contrario positivo.

Ragionando su questo aspetto, se la compagnia ha un rapporto sinistri/premi negativo, essa per tornare ad avere un rapporto migliore dovrà necessariamente aumentare i premi incassati; per far ciò le compagnia sono obbligate ad innalzare le proprie tariffe e allo stesso tempo favorire l’ingresso di polizze meno sinistrate.
Al contrario se il rapporto sinistri/premi di una compagnia registra un’andamento positivo, essa potrà permettersi tariffe più basse aumentando così la possibilità di raccogliere più clientela.

Cosa ha influito nel rapporto sinistri/premi Rca negli ultimi anni

Negli ultimi anni ci sono stati però alcuni aspetti che hanno contribuito all’abbassamento del premio medio delle polizze rca e all’incremento dell’importo medio pagato per ogni sinitro, due situazioni che peggiorano notevolmente i rapporti sinistri/premi delle compagnie: parliamo della possibilità di utilizzo del Decreto Bersani, della procedura di risarcimento diretto e la diffusione delle compagnie online. Tutto ciò ha mandato in crisi molte compagnie e la conseguenza diretta è stata sicuramente il costante e continuo aumento delle tariffe rca degli ultimi anni, che nessuno è ancora riuscito ad arrestare.

Leave A Reply