Il Diritto di recesso o ripensamento nelle assicurazioni

0
recesso

Il Diritto di recesso o ripensamento è la possibilità che viene data al cliente di interrompere la stipula di un contratto assicurativo. Ovviamente devono essere rispettati tempi e modalità che la Legge impone, per cui è importante conoscere i propri diritti in caso di ripensamento ma anche i doveri per poterne usufruire.

Recesso entro 14 giorni mediante raccomandata a/r

Il diritto di ripensamento  in ambito assicurativo  è chiaramente indicato nel D.Lgs. 19/08/2005 n° 190, che recita: “Il consumatore dispone di un termine di quattordici giorni per recedere dal contratto senza penali e senza dover indicare il motivo. Il predetto termine e’ esteso a trenta giorni per i contratti a distanza aventi per oggetto le assicurazioni sulla vita di cui al decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 174, e le operazioni aventi ad oggetto gli schemi pensionistici individuali.”

Quando stipulate una polizza assicurativa, danni o rca, ricordate quindi che avete 14 giorni al massimo per esercitare il diritto di recesso, ovviamente inviando comunicazione all’impresa mediante raccomandata a/r di cui è bene conservare la ricevuta di invio.

Premio rca al netto delle tasse

In ambito rca è importante sapere che sebbene il diritto di recesso esercitato nei tempi di legge non prevede penali per il cliente, c’è una bella differenza tra recedere prima del pagamento del premio o dopo averlo eseguito: nel primo caso ovviamente non avendo ancora pagato il premio nulla è dovuto alla compagnia, nel secondo caso invece la compagnia restituirà sì il premio pagato, ma al netto delle tasse e delle imposte che lo Stato ormai trattiene.

Leave A Reply