Auto non utilizzata, come comportarsi con l’assicurazione

0
parcheggio

Capita spesso per un motivo o per l’altro, per esempio un danno grave che impedisce l’uso dell’auto per parecchio tempo o la mancata necessità di utilizzo del veicolo in alcuni periodi dell’anno, di dover tenere il mezzo non assicurato; è anche questo un modo per risparmiare soldi sull’assicurazione rca quando non si ha la necessità di circolare. Bisogna però fare attenzione a come comportarsi riguardo la propria assicurazione e al Codice della Strada.

Per comportarsi correttamente ed evitare problemi con la legge e con la compagnia bisogna distinguere vari casi a seconda del momento in cui si decide di non utilizzare più il mezzo per un dato periodo:

  • polizza rca giunta al termine dell’annualità: in questo caso basta semplicemente non rinnovare il contratto rca per l’annualità successiva, senza alcun obbligo di disdetta alla compagnia venuto a cadere con l’abolizione del tacito rinnovo. La copertura assicurativa è comunque garantita da tutte le compagnie per i successivi 15 giorni oltre la data di scadenza. Nel momento in cui si vuole utilizzare nuovamente l’auto sarà sufficiente stipulare un nuovo contratto utilizzando l’ultimo attestato di rischio rilasciato dalla compagnia, facendo attenzione che non passino più di 5 anni dalla data di scadenza riportata nell’attestato di rischio, periodo oltre il quale la classe di merito non verrà più mantenuta e si dovrà ripartire dalla classe CU 18.
  • polizza rca in corso di contratto: in questo secondo caso, se ovviamente la polizza rca lo prevede è possibile sospendere la copertura assicurativa restituendo alla compagnia il contrassegno, la carta verde e il certificato assicurativo. Ogni compagnia adotta le proprie regole sul periodo minimo di sospensione o sui mesi residui necessari per poter sospendere il contratto, ma l’aspetto comune alle polizze rca è che il contratto sospeso debba essere riattivato entro 12 mesi pena la perdita del premio pagato e quindi l’impossibilità a ricevere l’attestato di rischio poichè non maturato. Se ovviamente la polizza rca non prevedesse la sospensione il contratto dovrà essere obbligatoriamente portato a termine con il completamento del premio annuo pattuito al momento della stipula in caso di frazionamento differento da quello annuo.

Parcheggio solo in aree private

Indipendentemente dal trovarsi nel primo o nel secondo caso sopradescritti è importante ricordarsi che un mezzo non assicurato, quindi anche con polizza sospesa, non può essere parcheggiato su strada pubblica o ad essa equiparata poichè passibile di sanzione per mancata copertura assicurativa. Se avete un mezzo non assicurato al momento dovete certamente tenerlo parcheggiato all’interno di un’area privata nella quale per legge non vige l’obbligo di assicurazione rca.

Leave A Reply