Dash cam sul cruscotto auto contro le truffe

0

La pioggia di meteoriti in Russia ha riportato all’attenzione l’utilizzo delle famose dash cam. Come mai così tanti video hanno da subito documentato la caduta di meteoriti in tempo reale? I russi non sono fanatici delle riprese video e soprattutto non girano tutti con un videocamera in mano, ma da tempo hanno adottato semplicemente l’uso delle dash cam sulle automobili, ecco perchè.

Dash cam contro le truffe

La dash cam non è altro che un videoregistratore montato sul cruscotto della macchina, apparecchio di cui ogni auto nuova che si acquista in Russia è dotata (prevalentemente auto di fabbricazione occidentale). La videocamera registra ininterrottamente ciò che accade al posto di guida e sulla strada in maniera del tutto legale, favorendo la lotta alle truffe assicurative che diventano così molto semplici da smascherare per le compagnie assicurative.
Non si conoscono i numeri dei mezzi circolanti in Russia con dash cam montata ma è sicuramente un numero moto elevato; essa è molto ben vista dai conducenti per motivi che vanno oltre al discorso assicurativo: la dash cam viene utilizzata per individuare i tantissimi poliziotti che ogni anno in Russia estorcono pagamenti in contati per evitare il rilascio di multe assolutamente inesistenti, fenomeno da anni molto presente in questa nazione.

Perchè non adottarle in Italia?

La Russia è un paese molto sinistroso dal punto di vista degli incidenti stradali a causa delle abitudini di guida molto indisciplinate dei cittadini russi; proprio per questo è stato adottato l’utilizzo delle dash cam di cui si parla da tempo anche in Italia. Perchè non potrebbe essere considerata anche da noi un’ottima soluzione per ridurre le truffe alle assicurazioni che, a detta delle compagnie, incidono così tanto sui bilanci e quindi sulle tariffe rca elevate nel nostro Paese? Purtroppo tutto gira attorno agli interessi delle compagnie a limitare il caro rca trovando soluzioni concrete, interesse che fino ad oggi è mancato e continua a mancare.

Leave A Reply