Assicurazioni Rc Auto ancora più care nel 2013

0

Il 2013 è ormai alle porte e le assicurazioni rca auto si preprarano a subire nuovi aumenti. Nonostante le novità in arrivo previste dal decreto Sviluppo, i cittadini si stanno preparando a nuovi rincari assicurativi che redneranno ancor di più difficile sostenre i pagamenti delle polizze assicurative, soprattutto nelle zone già soggette a tariffe elevate.

A darne notizie è direttamente Federconsumatori che prevede per il nuovo anno rincari alle tariffe rca nell’ordine del 5%, con un aumento medio per polizza di circa 60 euro. Il caro rca sembra quindi non
conoscere soste anche se questi dati dovranno ancora essere confermati; la speranza è che i correttivi in ambito assicurativo adottati dal governo negli ultimi decreti smentiscano le previsioni di Federconsumatori.
L’aspetto certo è che se fosse realmente così (cosa molto probabile guardando l’andamento dei premi rca negli ultimi 10 anni) il 2013 sarà l’ennesimo anno di rincari per i cittadini italiani che dovranno subire aumenti anche sul costo dei carburanti e dei pedaggi autostradali; tuttò ciò continuerà così a favororire la crisi del mercato dell’auto, dove anche acquistare e mantenere un’utilitaria è divenuto un lusso per pochi.

Maggior confronto di offerte rca

Come si preparano gli assicurati italiani ai nuovi rincari rca? Per chi ancora riesce a permettersi il pagamento della propria assicurazione rca, il sistema di risparmio più adottato è sicuramente quello del confronto delle offerte. Sempre più assicurati infatti si rivolgono a broker assicurativi in grado di offrire consulenza e maggior confronto nella ricerca di soluzioni convenienti; non dimentichiamo che è appena entrata in vigore la norma che prevede la libera collaborazione tra intermediari assicurativi fino ad oggi in molti casi vietata. Sarà quindi più semplice per gli assicurati valutare un numero maggiore di proposte che gli assicuratori potranno far valere grazie a maggiori possibilità di collaborazione con altri colleghi e quindi compagnie.

Leave A Reply