Il plurimandato sarà veramente realtà?

0

Il provvedimento in fase di studio dal governo Monti sull’obbligatorietà del plurimandato assicurativo agli agenti di assicurazione previsto dalla liberalizzazione delle assicurazioni sta movimentando il mondo assicurativo come solo il precedenza aveva fatto il Decreto Bersani con l’introduzione della facoltà di plurimandato nell’ambito rca.
La differenza principale rispetto alla novità introdotta dal Decreto Bersani è il divieto assoluto del monomandato, ad oggi infatti il plurimandato nell’rca è una facoltà dell’agente e comunque è limitato alla sola responsabilità civile obbligatoria per i veicoli a motore. Con il nuovo provvedimento in fase di studio il divieto di monomandato diventa un’obbligo e sarà esteso a tutti i rami assicurativi per cui anche il ramo danni, il settore più remunerativo per le compagnie e gli agenti.

Come si comporteranno le Compagnie con il divieto di monomandato?

Il provvedimento del governo Monti rivoluzionerebbe il mercato assicurativo in modo tale che è difficile pensare che ciò avvenga nei termini in cui è stato presentato: mai più agenti monomarca ma obbligatorietà di comparazione tra almeno due offerte di due compagnie differenti. Come si comporteranno le compagnie nei confronti dei propri agenti qual’ora il provvedimento venisse approvato? Ad oggi, nonostante l’esistenza della possibilità del plurimandato rca, le compagnie che hanno sempre lavorato con agenti monomandatari hanno sempre potuto far valere la propria posizione di potere per imporre le proprie condizioni di lavoro ai loro agenti, ma adesso come cambierà la politica di gestione della rete distributiva? A voi le considerazioni.

Leave A Reply