IMU 2012 per Imprese ed esercizi commerciali, aumenti anche del 90%

0

L’IMU 2012 enterà in vigore a partire da Gennaio 2012 e per le Imprese ed esercizi commerciali saranno dolori; sono infatti previsti aumenti rispetto all’ICI anche del 90%, il chè metterà in difficoltà migliaia di attività commerciali,negozi e imprese del nostro Paese.
Quando in primavera si era iniziato a parlare dell’aliquota del 7,6 per mille commercianti e imprese avevano messo in conto rincari del 20% rispetto all’ICI attuale, senza possibilità di compensarlo con l’addio all’Irpef sui redditi fondiari come sarebbe accaduto ai contribuenti Irpef;  proprio per questo motivo con l’ex Governo Berlusconi si era abbassata l’aliquota di un punto percentuale.
Con la Manovra del Governo Monti e la nuova IMU l’aliquota è tornata al 7,6 per mille che unita ai moltiplicatori catastali aumentati del 60% anche per negozi e uffici fa letteralmente aumentare a dismisura l’imposta; per gli alberghi e immobili strumentali alle imprese l’incremento dei moltiplicatori è invece del 20%. Tutto ciò fa sì che per negozi e uffici l’IMU arrivi in molti casi ad incrementare la vecchia ICI del 90%, del 42% circa invece quella per albergi e fabbriche. Aumenti sprospositati e spesso insostenibili per molti commercianti, considerando che la vecchia aliquota ICI fino ad oggi oscillava tra il 6,4 e il 6,5 per mille.
Ovviamente i rincari saranno ancora più accentuati in quei comuni che godevano di aliquote ordinarie molto basse, è il caso ad esempio di Milano dove l’aliquota ICI era è del 5 per mille e la nuova IMU risulterà molto più pesante. E’ vero anche che i sindaci avranno la possibilità di ridurre le aliquote fino al 4 per mille per gli immobili non produttivi di reddito fondiario ma appare molto improbabile che ciò avverrà; i comuni infatti dovranno girare metà dell’IMU proveniente da non prime case allo Stato e i conti dei comuni non sono così positivi da permettersi mancate entrate così fondamentali.
Il 2012 sarà si per sè un’anno di grandi sacrifici per tutti i cittadini, ma per le imprese sarà un vero e proprio salasso tra gli i molti aumenti che stanno per arrivare.

Leave A Reply