Banche e Assicurazioni contro Berlusconi

0

Di qualche giorno fa l’appello congiunto di Abi, Alleanza delle cooperative, Ania, Confindustria e Rete imprese Italia :”Rivolgiamo un appello forte al presidente del Consiglio. Verifichi se ci sono le condizioni affinché questo governo e questa maggioranza possano assumere immediatamente le misure che sono necessarie per ripristinare la fiducia nell’Italia da parte dei mercati, dell’Unione europea e della Comunità internazionale”.
L’appello rivolto al Presidente del Consiglio Berlusconi lascia pochi dubbi sulla situazione del mercato finanziario italiano in questa sorta di ultimatum lanciato da Abi, Ania & C. L’obbiettivo primario è di evitare che la sfiducia dei mercati e della comunità  internazionale travolga l’Italia in un vortice di conseguenze poi difficile da arrestare; l’attuale situazione è insostenibile per la nostra nazione e se non verranno presi i correttivi adeguati si rischio di perdere in poche settimane quello che il popolo italiano ha costruito in decenni di lavoro.
Secondo appunto l’appello fatto a Berlusconi, il tempo è scaduto, o l’Italia viene risollevata da questa crisi che sta coinvolgendo l’inetro mercato economico finanziario italiano o rischiamo veramente il tracollo stile Grecia; la richiesta è molto semplice, se Berlusconi non ha l’interesse a risolvere la situazione è richiesto che si faccia da parte. “I danni sono già ingenti. Dobbiamo arrestare l’emorragia”, è la conclusione del comunicato; a voi le riflessioni.

Leave A Reply