Alluvione 2010 in Veneto: le compagnie non sono disposte ad assicurare gli eventi atmosferici

0

E’ passato appena un’anno dall’alluvione che ha spazzato via numerose case in 140 comuni del Veneto coinvolgendo 500.000 persone e provocando la morte di 3 persone. Il conteggio dei danni ha indicato 426 milioni di euro tra danni alle abitazioni, alle imprese e ai settori agricoli; superata l’emergenza tantissimi cittadini hanno pensato bene di prevenire possibili danni futuri per il ripetersi dell’evento stipulando assicurazioni private per le proprie abitazioni ed aziende, ed è qui che nasce quello che ormai è diventato un  vero caso politico.
Quasi tutte le compagnie assicurative interpellate si rifiutano di assicurare per eventi atmosferici e naturali praticamente in tutte le zone delVeneto che sono state interessate dall’evento del 2010, ossia buona parte dell’intera regione. Del caso se nè occupato anche il Governatore del Veneto Luca Zaia interpellando direttamente sedici compagnie assicurative; inizialmente sembravano non esserci problemi ma all’ultimo le compagnie si sono tirate indietro escludendo la copertura di questo tipo di eventi eccezionali. La motivazione principale sta nel fatto che le soluzioni che dovevano essere intraprese sul territorio per limitare i possibili danni in caso di eventi atmosferici eccezionali non sono state ancora attuate e per questo motivo le compagnie non hanno intenzione di assumere rischi in queste quantità. Come non dargli torto, speriamo che qualche soluzione venga trovata ed attuata per prevenire le conseguenze dannose di alluvioni così pesanti e sicuramente a quel punto le compagnie cambieranno atteggiamento.

Leave A Reply