Come assicurare una moto d’epoca

0

Assicurare una moto d’epoca è diventata un’operazione spesso difficoltosa ed è quindi fondamentale conoscere il funzionamento ed i parametri considerati dalle compagnie nella determinazione del premio; in questo modo è anche più semplice per il contraente poter confrontare le varie offerte che il mercato assicurativo offre.

Per assicurare una moto d’epoca è necessario recarsi presso l’agenzia assicurativa con in mano il libretto di circolazione, documento d’identità, certificato d’identità della moto fornito dall’ ASI (Automotoclub Storico Italiano),  iscrizione del guidatore ad un club di mezzi storici e  iscrizione del guidatore all’ ASI; sono questi  i documenti fondamentali senza i quali la maggior parte delle compagnie non possono emettervi alcuna polizza.

Dal punto di vista delle condizioni contrattuali le polizze per moto d’epoca hanno alcune caratteristiche da tenere i considerazione nella scelta della polizza migliore per le nostre esigenze e sono:

  • limitazione alla circolazione: alcune compagnie permettono la circolazione sotto copertura del mezzo solo in alcuni giorni del mese o dell’anno in concomitanza ad esempio con raduni, altre invece prevedono la libera circolazione;
  • limitazione alla guida: alcune polizze prevedono che il guidatore o i guidatori siano identificati in polizza e che siano un numero massimo prestabilito;
  • massimali di R.C.: spesso non vi è possibilità di scelta di massimali maggiori, vi è solo quello imposto dalla compagnia;
  • franchigia sull’R.C.: quasi sempre è presente una franchigia sulla responsabilità civile ma comunque di importi bassi, normalmente un centinaio di euro;

Sono queste le componenti principali di una polizza per moto d’epoca da tenere bene sott’occhio quando si chiedono preventivi alle varie agenzie; purtroppo questo tipo di coperture non sono ancora offerte online da nessuna compagnia quindi bisegnerà girare quante più agenzie possibili per trovare quella più conveniente.

Leave A Reply