Il ritorno delle Polizze poliennali

0

Con l’entrata in vigore del Decreto Bersani le polizze poliennali erano del tutto sparite,almeno fino al 2009 quando è stata reintrodotta questa possibilità con l’articolo 1899 del 9 luglio 2009 del Codice Civile.

La vecchia poliennalità

Un tempo le polizze poliennali erano polizze di durata decennale e oltre la scadenza si rinnovavano tacitamente di anno in anno. L’interruzione anticipata del rapporto senza il pagamento del totale dei premi dovuti non era possibile prima della scadenza dei 10 anni tranne che in caso di liquidazione di sinistro non soddisfacente; il tempo di preavviso per la disdetta era di 6 mesi.
Il Decreto Bersani ha annullato tutto questo sistema introducendo la disdettabilità annuale di tutti i contratti indipendentemente dalla loro durata; unica specifica per i contratti stipulati pre Bersani è stata il pagamento di almento 3 annualità di polizza per poter successivamente disdire il contratto, i contratti invece stipulati post Bersani sono tutti disdettabili annualmente.

La Nuova poliennalità

Tutto ciò è stato così fino al reinserimento della poliennalità avvenuto nel 2009, che prevede la facoltà per le Compagnie di emettere contratto poliennali con vincolo per il cliente di un massimo di 5 anni a patto di concedere un sconto di polizza rispetto alla classica polizza annuale. La nuova poliennalità è stata introdotta per dare al cliente la possibilità di scelta tra il contratto annuale e poliennale ed usufruire di uno sconto comunque non precisato dall’articolo 1899.
Ad oggi sono ancora poche le Compagnie che sono tornate completamente all’uso della poliennalità ma le segnalazioni degli assicurati iniziano ad essere numerose. La speranza è che i clienti vengano tutti informati prima della stipula della poliennalità dei contratti e che questo non incida sui premi del mercato assicurativo, poichè l’annualità favorisce la competizione tra le Compagnie e quindi l’abbassamento dei premi in generale (putroppo non è quello che succede con l’Rca..).

Leave A Reply