Cos’è e come funziona la targa prova?

0
targa_prova

Molti utenti ci chiedono informazioni sulla famosa targa prova che suscita ancora molta curiosità tra chi ne sente spesso parlare; ci sembra quindi il caso di fare chiarezza su questo tipo di targa. La targa prova e’ una targa utilizzabile per i veicoli che circolano su strada per esigenze connesse con prove tecniche, sperimentali o costruttive, dimostrazioni o trasferimenti, ma anche per ragioni di vendita o di allestimento.
Possono quindi essere autorizzati alla circolazione di prova:

  • Fabbriche costruttrici di veicoli a motore e rimorchi
  • Rappresentanti, concessionari,agenti, commissionari di vendita e commercianti autorizzati di veicoli a motore e rimorchi
  • Istituti universitari ed enti pubblici o privati che esercitino sperimentazioni su veicoli
  • Esercenti di officine di riparazione e trasformazione anche per conto proprio
  • Fabbriche costruttrici di pneumatici e carrozzerie
  • Fabbriche costruttrici di sistemi ed equipaggiamenti di veicoli a motore o che prevedano l’aggiornamento della carta di circolazione e loro agenti, rappresentanti,Commercianti, commissionari.

Cose da sapere sulla targa prova

L’autorizzazione alla circolazione di prova e’ rilasciata dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti attraverso gli Uffici Provinciali della Motorizzazione, ed ha validità annuale.
L’autorizzazione alla circolazione di prova è utilizzabile per un solo veicolo alla volta e deve essere conservata sul veicolo in circolazione. Regola principale dell’uso della targa prova e’ che sul veicolo deve essere presente il titolare dell’autorizzazione o un suo dipendente munito di apposita delega oppure un soggetto in rapporto di collaborazione funzionale con il titolare dell’autorizzazione, purchè tale rapporto sia attestato da idonea documentazione, ed il collaboratore sia munito della necessaria delega.
La targa prova può essere quindi trasferita da veicolo a veicolo sempre unitamente alla relativa autorizzazione; il veicolo deve mostrare posteriormente la targa prova durante la circolazione e dev’essere coperta da polizza di responsabilità civile verso terzi.
L’autorizzazione di circolazione deve presentare l’indicazione della tipologia di mezzi che verranno utilizzati in circolazione di prova.
Le targhe prova possono essere rilasciate direttamente dalla Motorizzazione o dagli studi di consulenza automobilistica autorizzati dal Dipartimento Trasporti Terrestri.
Al contrario di quello che molti pensano le targhe prova non hanno limiti di utilizzo, possono essere utilizzate per circolare su tutto il territorio nazionale, in qualsiasi orario e giorno, e anche all’estero in quei paesi che hanno accordi di reciprocità con la nostra nazione.
Condizione sempre fondamentale e’ che sul veicolo sia presente il titolare dell’autorizzazione o un suo dipendente munito di apposita delega; la persona delegata, tuttavia, non può essere un individuo qualsiasi ma deve essere una persona legata al titolare dell’autorizzazione alla circolazione di prova da un rapporto di collaborazione funzionale e tale rapporto deve essere documentabile e dimostrabile attraverso l’esibizione di idonea documentazione. La delega, che è nominativa, può essere utilizzata senza limitazioni temporali e/o di percorso.

Leave A Reply