Detraibilità polizza infortuni del conducente

0

E’ qualche mese che molti lettori ci scrivono chiedendo come mai la propria compagnia si rifiuti di fornire la certificazione fiscale relativa ai premi pagati per l’assicurazione infortuni del conducente stipulata su targa (auto o moto che sia) necessaria per la detrazione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi. Vogliamo subito rendere chiara la situazione e avvertire i lettori che purtoppo la Compagnia nel comunicarvi la notizia si trova dalla parte della ragione. La spiegazione è molto semplice: la detraibilità spetta all’assicurato o a chi ha fiscalmente in carico l’assicurato. Nel caso di polizze infortuni del conducente “su targa”, il cliente è solamente il contraente della polizza, assicurati sono tutti coloro che guidano il mezzo e quindi non è identificabile un solo assicurato.

Ricordiamo quindi che l’assicurato deve essere comunque identificato per poter accedere alla detrazione fiscale, così come avviene per le classiche polizze infortuni private, dove ad un contraente corrisponde uno o più assicurati, comunque identificati, e non una categoria indefinita di assicurati. Da questo ne deriva che sono invece detraibili a tutti gli effetti le polizze infortuni del conducente ” su persona indentificata”, che poi non è altro che una normale polizza  limitata alla copertura degli infortuni avvenuti alla guida di un mezzo a motore. Speriamo di essere stati più chiari possibili e d’aiuto nel risolvere i vostri dubbi.

Leave A Reply