Legge Bersani: ancora molti dubbi

0

Riproponiamo qui la questione del decreto Bersani (divenuto Legge) a seguito delle numerose richieste di informazioni e dubbi che ancora, a distanza di qualche anno dall’entrata in vigore, molti lettori hanno in testa.

La legge n. 40/2007, meglio conosciuta come Legge Bersani in materia di assicurazioni auto, permette in sostanza di ereditare la classe di merito di un parente (o propria), in caso di acquisto di una seconda (o terza) auto, nuova o usata. I parametri sono ben definiti, ma ci sono molti casi particolari di cui parliamo qui di seguito.
NON è possibile usufruire della classe agevolata Bersani in questi casi:

  • Auto già assicurata, anche se per poco tempo.
  • Stipulando un nuovo contratto su una auto che già aveva una assicurazione, in assenza di un passaggio di proprietà.
  • In tutti i casi in cui l’attestato di rischio è più vecchio di 5 anni. Alcune compagnie richiedono invece che la assicurazione da cui si prende la classe sia attiva.
  • Non è possibile trasferire la classe tra tipologie di veicoli diversi. Ad esempio una auto non può ereditare la classe di un motoveicolo ne’ di un autocarro e viceversa.
  • Non si ereditano classi nel caso di aziende, quindi ne’ all’interno dell’azienda, ne’ tra parenti ed azienda di famiglia, di nessun tipo.
  • Non è possibile ereditare la classe di un parente se non è nello stesso stato di famiglia (ad esempio, un figlio che non ha più la residenza con i genitori non può ereditare la classe del padre).

E’ possibile usufruirne della legge Bersani in questi casi:

  • Assumendo la classe di rischio di un altro proprio veicolo oppure di un parente di 1o grado: madre, padre, figlio, fratello, sorella, purchè convivente (stessa residenza come da Stato di Famiglia)
  • Vendendo la propria auto ad un altro appartenente al nucleo familiare
  • Stipulando un contratto anche con una compagnia diversa da quella dell’attestato di rischio del parente
  • Si può ereditare la classe di una moto per un’altra moto, di un ciclomotore per un altro ciclomotore, e ovviamente di un’auto per un’auto.

Ricordiamo che a parità di classe universale, un contratto derivante da applicazione delle lagge bersani paga comunque di più rispetto allo stesso contratto con stessa classe di merito guadagnata in anni e anni distoria assicurativa,  proprio perchè le compagnie nella determinazione del premio tengono ormai conto appunto dei precedenti anni assicurativi che ovviamente per chi usufruisce della legge Bersani non sono presenti.

Chiunque avesse domande da fare riguardo il proprio caso particolare, può farlo commentando sotto questo articolo, saremo lieti di potervi aiutare.

Leave A Reply