Decreto Destinazione Italia in Gazzetta: le novità Rc auto 2014

0

destinazione italiaLe compagnie assicurative continuano a vincere sugli assicurati: è questo il pensiero comune dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto Destinazione Italia che sta per rivoluzionare il settore rc auto nel nostro paese. Il nuovo decreto rca contiene numerose norme che da anni l’ANIA (l’Associazione delle Assicurazioni) reclama, vediamo le novità più rilevanti.

Risarcimento in forma specifica

L’Assicurazione che intende avvalersi del risarcimento in forma specifica deve comunicare entro il 20 dicembre di ogni anno all’Ivass l’entità della riduzione del premio prevista, in misura non inferiore all’8% della tariffa applicata da quella impresa su base nazionale. Saranno individuate aree territoriali nelle quali saranno applicate sconti di premio non inferiori al 12%. Il danneggiato potrà comunque rifiutare il risarcimento in forma specifica, optando per un proprio carrozziere di fiducia, ma in questo caso il risarcimento non potrà superare il costo che l’impresa di assicurazione avrebbe sostenuto tramite la carrozzeria  convenzionata. L’importo liquidato sarà comunque versato direttamente alla carrozzeria successivamente alla presentazione della fattura.

Cessione credito e lesioni

L’impresa di assicurazione ha la facoltà di prevedere che il diritto al risarcimento dei danni non sia cedibile a terzi senza il proprio consenso dell’assicuratore. In virtù di questa clausola la compagnia applicherà una riduzione del premio in misura non inferiore al 4% dell’importo risultante dalla somma dei premi rca incassati nella Regione dalla compagnia nell’anno precedente divisa per il numero degli assicurati nella stessa Regione.
Le  compagnie dovranno offrire clausole contrattuali facoltative che prevedono prestazioni di servizi medico-sanitari resi da professionisti individuati e remunerati dalle stesse compagnie. Gli assicurati che acconsentiranno all’inserimento di tali clausole, beneficieranno di riduzioni del premio in misura comunque non inferiore al 7% dell’importo risultante dalla somma dei premi Rca incassati nella Regione dalla medesima compagnia nell’anno precedente divisa per il numero degli assicurati nella stessa Regione.

Scatola nera

Le companie potranno proporre contratti rca con scatola nera, i cui costi di installazione, disinstallazione, sostituzione e portabilità saranno a carico dell’impresa che deve applicare alla stipula una riduzione del premio, che in caso di contratto stipulato con un nuovo assicurato, non potrà essere inferiore al 7% dell’importo risultante dalla somma dei premi Rca incassati nella Regione dalla stessa Compagnia nell’anno precedente divisa per il numero degli assicurati nella stessa Regione.

Testimoni

Secondo le nuove norme l’identificazione di eventuali testimoni sul luogo dell’incidente deve risultare dalla denuncia di sinistro presentata all’impresa di assicurazione ai sensi degli articoli 148 e 149. Quindi l’identificazione dei testimoni avvenuta in un momento successivo comporta l’inammissibilità della prova testimoniale prodotta.

Leave A Reply